Open Tennis Astera: successo di Filippo Mondini

Da sinistra verso destra: Cassini, Casari, Mondini, Cattaneo, Manfredi, Nichetti e Caravaggi.

Questo articolo è presentato da:

Nel periodo compreso tra il 9 aprile e il 24 aprile, L’A.S.D. Tennis Astera in Ripalta Cremasca, ha organizzato un Open di singolare maschile con ben 115 iscritti. Gli incontri hanno avuto luogo su due campi all’aperto in erba sintetica e un campo al coperto in mateco.

Data la buona consistenza di giocatori iscritti, il torneo si è strutturato in quattro distinti tabelloni: seconda categoria, terza categoria, quarta categoria e quarta NC.

Partendo dalla seconda categoria. Filippo Mondini, tennista mantovano, tesserato per il Tc Guidizzolo, allievo presso l’Accademia Tennis di Crema, categoria 2.5, si è imposto nei confronti di Leonardo Cattaneo, del vivaio del Tc Crema, con un perentorio 6/3-6/0. Da sottolineare come Leonardo venisse da un altra finale giocata in mattinata al torneo Next Gen di Valenza (AL) che si disputava su terra battuta.

Dichiarazioni a fine gara di Mondini

Il vincitore del torneo di seconda categoria, intervistato al termine della finale, ha dichiarato di aver riscontrato delle difficoltà lungo il percorso del suo cammino, al turno iniziale e nella semifinale giocata contro Gabriele Datei; nell’ambito di una partita-thriller, sempre sul filo del rasoio e conclusasi al terzo set del super tiebreak per 11 giochi a 9, dopo aver annullato un match point sul 9 a 8 a favore dell’avversario.

Nell’ambito della medesima categoria figurano appaiati in terza posizione Andrea Uberti: categoria 2.4, tesserato per l’A.S.D Desenzano; e Gabriele Datei, bergamasco, classe 2003, categoria 2.3, tesserato per il Tc Crema.

Nella finale di terza categoria successo di Alessandro Cattaneo, categoria 3.3, portacolori del Tennis Crema, il quale ha sconfitto con un duplice 6/2 Marco Baruzzi, pari categoria, tennista di casa, nel corso di una partita ove ha visto prevalere l’acume tattico, la varietà di gioco di Cattaneo, al cospetto di un falloso e allo stesso tempo nervoso Baruzzi.

In quarta categoria vittoria di Bernardo Pietro, categoria 4.2, Tennis club Offanengo su Merlini Michele, categoria 4.3 e beniamino di casa, col punteggio di 6/4-6/0.

Nella finale tra tennisti “senza classifica”, successo di Silva Roberto, Sporting Club A.S.D nei confronti di Pedrini Angelo Giordano appartenente quest’ultimo al Tennis Club Crema: 6/0-6/2 il risultato finale.

Al termine della finale di seconda categoria, nella giornata di domenica pomeriggio 24 aprile, i finalisti, i giudici di gara, il direttore di gara, il delegato provinciale FIT Riccardo Manfredi e lo sponsor principale nella persona di Cassini Simone, sono entrati nel campo da gioco per dare seguito alle premiazioni.

Stefano Baruzzi, maestro locale di tennis, ha preso la parola per primo, ringraziando i tennisti che hanno dato la loro adesione alla manifestazione, i giudici di gara assistenti, il giudice di gara titolare, il direttore di gara e lo sponsor principe per aver contribuito in misura significativa allo svolgimento della kermesse. Baruzzi ha altresi’ elogiato l’atteggiamento espresso sui campi da gioco dei tennisti, i quali non hanno dato adito a discussioni verbali, a polemiche, giocando i match con la massima correttezza. In secondo luogo, Riccardo Manfredi, delegato provinciale FIT, ha colto l’occasione per porre sentiti ringraziamenti ai Presidenti e ai soci dei circoli della Provincia di Cremona per la messa in atto dei tornei di varia natura. Da ultimo, il Signor Stefano Cattaneo, rappresentante della categoria dei genitori-accompagnatori, ha rimarcato l’arduo compito della figura genitoriale nel percorso di crescita professionale del figlio-tennista; un vero e proprio tour de force da affrontare con la giusta dose di responsabilità, di serietà e di determinazione.

Giudice titolare di gara il Signor Filippo Casari; giudici assistenti Oliviero Caravaggi, Stefano Baruzzi, Simone Cassini e Enrico Bontempo Luca; direttore di gara Marco Nichetti.

Condividi questo articolo con i tuoi Social

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.